Riduci dimensioni testo Dimensioni normali Aumenta dimensioni testo

Corsi base per l'utilizzo di Apparecchiature per la Protezione delle Vie Respiratorie

Il corso si propone di fornire una formazione ed addestramento adeguato per raggiungere il livello di protezione indicato dal DM 02 maggio 2001. Saranno presi in esame tutti i fattori e sarà valutata la loro influenza sulla reale protezione fornita. Il corso sarà articolato con una parte teorica e una parte di addestramento.

La definizione di APVR. per il DM 2.05.2001 è "Apparecchiature per la Protezione delle Vie Respiratorie".

La principale causa di morte in occasione di incendi e incidenti con fuoriuscita di vapori e/o nebbie  è data dall'intossicazione delle persone presenti da parte dei prodotti della combustione, quali fumo, gas caldi, calore. Tale situazione ci fa capire quanto sia importante in caso d'intervento e/o di fuga, essere adeguatamente protetti, affinché si possa raggiungere, in sicurezza, il più vicino "luogo sicuro".

La protezione delle vie respiratorie deve essere assicurata anche a tutti quegli operatori di aziende chimiche e simili che manipolano sostanze pericolose sotto forma di liquidi, gas e vapori.

Il datore di lavoro, in virtù delle  disposizioni legislative vigenti, ha l'obbligo di  fornire ai lavoratori esposti a rischi di intossicazione da fumo e/o da vapori/gas chimici, idonei DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) per la protezione delle vie respiratorie ed ha provvedere alla loro formazione, informazione ed addestramento.

Il DM 2.05.2001. allegato 2, "Criteri di individuazione e uso di dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie" fornisce le linee guida per la scelta, l'uso, la manutenzione e l'immagazzinamento delle APVR.

Il punto 7.4 del DM 2 maggio 2001, "Informazione, formazione ed addestramento in materia di protezione delle vie respiratorie", prevede l'organizzazione di corsi teorico pratici, tenuti da personale esperto e qualificato.


Destinatari :

Per i lavoratori esposti a rischi da agenti chimici pericolosi, per intossicazione da fumo e/o da vapori/gas chimici o ambienti sotto ossigenati il datore di lavoro ha l’obbligo di fornire idonei DPI per la protezione delle vie respiratorie (APVR) e a provvedere alla loro formazione, informazione, addestramento. I criteri relativi alla formazione sono richiamati dal D.lgs 81/08 art. 79.

Programma :

CONTENUTI TEORICI (8 ore):
- Richiami normativi del D.lgs 81/08 titolo IX in materia di rischi da agenti chimici pericolosi.
- Rischi di natura chimica: tipologia, riconoscimento, prevenzione, protezione con particolare riferimento a:
  • composizione ed effetti delle sostanze pericolose gas, vapori, nebbie, polveri;
  • conseguenze di una insufficienza di ossigeno sull’organismo umano;
  • respirazione umana;
  • aspetti fisiologici.
- Classificazione ed etichettatura dei materiali pericolosi: nuova etichettatura GSH-CLP, ADR 2011, codice colore delle bombole;
- Richiami normativi del D.lgs 81/08 in materia di Dispositivi di protezione individuale (DPI) – titolo III capo II;
- Classificazione dei DPI;
- Richiami normativi del D.M. 2 maggio 2001 in materia di indumenti protettivi da agenti chimici solidi, liquidi, gassosi pericolosi;
- Gli indumenti protettivi dagli agenti chimici pericolosi: tipologia e procedure di indossamento e svestizione;
- Cenni di tecniche di decontaminazione;
- Richiami normativi del D.M. 2 maggio 2001 in materia di scelta e uso degli apparecchi di protezione delle vie respiratorie
- APVR – apparecchi di protezione delle vie respiratorie
  • Classificazione, struttura, funzionamento e prove degli APVR e degli apparecchi di rianimazione
  • Limiti dell’effetto protettivo, durata, sostituzione delle bombole e delle cartucce di rigenerazione
  • Procedure di indossamento degli APVR unitamente agli indumenti protettivi
  • Comportamento riguardo la protezione respiratoria durante l’addestramento, l’uso effettivo e in caso di fuga
  • Conservazione e manutenzione
- Struttura e organizzazione dei piani di emergenza.

CONTENUTI PRATICI (12 ore):
- Esercitazioni di indossamento, utilizzo e svestizione degli indumenti protettivi dagli agenti chimici pericolosi,
- Prove pratiche di indossamento degli APVR in possesso;
- Controlli prima dell’uso;
- La gestione della respirazione con l’utilizzo degli APVR;
- Simulazione di intervento in zona inquinata e in camera a fumo;
- Simulazione di intervento con salvataggio di manichino;
- Simulazione di gestione dell’emergenza con gli APVR;
- Conservazione, manutenzione e messa a dimora delle APVR.

Test di valutazione finale di efficacia del corso.

La valutazione si articola in verifiche intermedie e verifiche finali:
- verifiche intermedie - durante lo svolgimento del modulo teorico e pratico il livello di apprendimento sarà controllato tramite verifiche strutturate a test e prove.
- verifica finale di efficacia del corso - simulazione di intervento obbligatoria per tutti i partecipanti.



Validità :

Aggiornamento:
2 volte all'anno se il personale deve effettuare operazioni di salvataggio;
1 volta all'anno per coloro che utilizzano normalmente gli autorespiratori durante il lavoro.
Durata:

16 ore

Sede:

Città Studi S.p.A., C.so G. Pella 10 - Biella

Stage:

Aggiornamento 2 volte all'anno se il personale deve effettuare operazioni di salvataggio 1 volta all'anno per coloro che utilizzano normalmente gli autorespiratori durante il lavoro

Frequenza:

La frequenza al corso è obbligatoria. Per il rilascio dell'Attestato di Frequenza occorre aver frequentato il 90% delle ore previste dal corso.

Certificazione:

A completamento del corso sarà rilasciato un attestato valido ai fini di legge.

Metodologia didattica:

I corsi sono svolti con metodo altamente interattivo, mediante l’utilizzo della metodologia esperienziale, ovvero facendo vivere in prima persona delle vere e proprie “esperienze” ai partecipanti, in modo da coinvolgere i partecipanti, sollecitarne l'interesse, favorire la discussione su casi pratici provenienti dalla loro esperienza. Ciò permette di adattare i contenuti del corso alle esigenze degli stessi partecipanti.

Il corso è organizzato in una serie articolata di moduli, ognuno dei quali consegue uno o più obiettivi didattici attraverso un processo a “piccoli passi”: l’unità didattica, intesa come “l’insieme di attività di insegnamento / apprendimento realizzata in un intervallo temporale limitato, in vista del raggiungimento di uno o più obiettivi specifici”.

Lo stile didattico utilizzato si proporrà, tra l’altro, di:
- incoraggiare la partecipazione attiva dei discenti riconoscendo la specificità individuale    del modo di apprendere;
- incoraggiare la fiducia nelle proprie possibilità;
- consentire l’espressione di opinioni diverse da quelle del docente;
- favorire l’autovalutazione.

Per quanto riguarda le esercitazioni, la metodologia utilizzata è di tipo attivo-esperienziale, nel senso che i partecipanti vengono invitati a prendere come oggetto di riflessione le loro esperienze di lavoro, utilizzando strumenti quali la simulazione, il role-playing, l’analisi dei casi e rappresentazioni interattive.

Verranno rese disponibili in aula e in campo prove, specificatamente attrezzato, attrezzature di lavoro e dispositivi di protezione individuale (DPI) necessari per affrontare in sicurezza il corso APVR.

Materiale didattico:

Dispense – manuali interattivi

Se sei interessato al corso o per ricevere maggiori informazioni, compila il modulo con i tuoi dati e sarai ricontattato quanto prima.

Indietro Modulo di richiesta