Riduci dimensioni testo Dimensioni normali Aumenta dimensioni testo

Dipartimento di Giurisprudenza - Cdl Scienze dell'amministrazione on-line

Descrizione del corso

Il Corso di Laurea triennale in Scienze dell'amministrazione (on line) è teso a formare professionisti che abbiano capacità di analizzare il sistema sociale e i sistemi organizzativi, di interpretare il cambiamento e di stimolare efficacemente l'innovazione organizzativa nelle amministrazioni pubbliche e private.
Per realizzare questi obiettivi, il Corso di Laurea integra competenze diverse, economiche, giuridiche, sociologiche, politico-istituzionali, organizzativo-gestionali, ambientali e della sicurezza, legate alla disciplina degli enti e delle imprese e volte a conferire capacità di analisi del sistema sociale, di interazione con i lavoratori, di declinazione delle competenze in relazione all'ambito lavorativo di destinazione.
Il Corso di Laurea in Scienze dell'Amministrazione (on line), come suggerisce il nome, è caratterizzato dall'erogazione degli insegnamenti "a distanza", la didattica si svolge pertanto utilizzando gli strumenti e le potenzialità offerti dalla rete internet.
L'iscrizione conferisce una posizione accademica identica a quella legata all'iscrizione ai corsi di laurea tradizionali e attribuisce i medesimi diritti di fruire di tutti i servizi offerti in generale agli iscritti; a questi si somma il diritto "speciale" ad essere inseriti nelle classi on line relative ai singoli insegnamenti, ad usufruire delle esercitazioni settimanali, ad avvalersi dell'assistenza di un tutor per ogni insegnamento.
Oltre alla formula di frequenza on-line, proposta dal Dipartimento per facilitare gli studenti lavoratori, nella sede di BIELLA lo studente ha la possibilità di scegliere ad inizio anno di frequentare i corsi anche in presenza (lezioni tradizionali).


Obiettivi formativi specifici

Il Corso di Laurea in Scienze dell'amministrazione (on line) (la cui caratteristica fondamentale è l'erogazione degli insegnamenti "a distanza" attraverso le modalità della didattica FaD), nasce principalmente dall'esigenza di rispondere alla domanda di coloro (in specie lavoratori e lavoratrici/mamme), i quali non riescono a frequentare le lezioni a causa dei loro impegni lavorativi e/o di famiglia, perché residenti fuori provincia, ma eventualmente anche alle esigenze di chi ritenga di volersi giovare di un aiuto forte nella preparazione degli esami.
In questo campo, la Facoltà di Scienze Politiche ha maturato una importante esperienza, avviata dall'anno accademico 2001/2002 e consolidata negli anni successivi.
In particolare, il singolo insegnamento a distanza può includere più moduli/classe, che comprendono al massimo 40 studenti. Gli insegnamenti si sviluppano prevalentemente on line, ma sono previsti anche alcuni incontri "in presenza".
Le "unità on line" consistono nella messa a disposizione di materiali di supporto allo studio della materia e nella somministrazione di esercizi, secondo un programma di studio che ripropone i contenuti degli insegnamenti tradizionali. Il caricamento in rete di tali unità avviene sempre nello stesso giorno della settimana: gli allievi svolgono gli esercizi e li spediscono, con lo strumento della pubblicazione in rete, entro il medesimo giorno della settimana successiva. La correzione degli esercizi viene pubblicata unitamente all'erogazione del materiale relativo all'unità seguente.
Il docente responsabile verifica volta per volta gli elaborati inviati da ciascuno studente e, ove lo ritenga necessario, può invitare i singoli ad una maggiore riflessione e ad uno studio più meditato su singoli argomenti. Dopo l'erogazione della prima metà delle unità didattiche può essere effettuata una prova scritta intermedia volta a superare una parte dell'esame: questa, se prevista, si svolge necessariamente in presenza. Sul complesso delle attività, incontri in presenza e esercitazioni on line, è prevista la tolleranza di 1/3 di assenze, vale a dire è richiesta la presenza ad almeno i 2/3 degli incontri e lo svolgimento di almeno i 2/3 delle prove proposte.
Il Corso di Laurea utilizza una piattaforma informatica che consente di documentare tutte le attività svolte on line (accessi, svolgimento esercizi, forum e le relative valutazioni).
Resta fermo il principio per cui il voto finale si basa su una prova in aula. Il Corso di Laurea in Scienze dell'amministrazione (on line) si affianca al parallelo Corso di Laurea in Scienze dell'amministrazione e consulenza del lavoro, del quale ripropone i contenuti essenziali e con il quale condivide gli obiettivi formativi generali.
Pertanto, come il corso parallelo, è teso a formare professionisti che abbiano capacità di analizzare il sistema sociale e i sistemi organizzativi, di interpretare il cambiamento e di stimolare efficacemente l'innovazione organizzativa nelle amministrazioni pubbliche e private. A tal fine il Corso di Laurea integra competenze diverse, economiche, giuridiche, sociologiche, politico-istituzionali, organizzativo-gestionali e della sicurezza, legate alla disciplina degli enti e delle imprese e volte a conferire capacità di analisi del sistema sociale, di interazione con i lavoratori, di declinazione delle competenze in relazione all'ambito lavorativo di destinazione. In altri termini, il laureato in Scienze dell'amministrazione (on line) acquisisce le competenze necessarie per: - operare con efficacia all'interno di strutture pubbliche o private interpretando il cambiamento e promuovendo l'innovazione nell'amministrazione ed organizzazione di enti con o senza scopo di lucro, ponendo la crescita delle risorse umane quale base di modelli organizzativi flessibili; - operare con efficacia nel mercato del lavoro, cooperando all'organizzazione del lavoro in enti pubblici e privati, in organizzazioni del terzo settore e nelle imprese alla luce delle cognizioni socio-organizzative ed economiche acquisite; - gestire all'interno di qualunque struttura pubblica o privata le risorse umane, le relazioni con il personale e con le organizzazioni sindacali, sulla base di conoscenze approfondite della disciplina giuridica dell'impresa e dello scambio di lavoro, del diritto della previdenza sociale e del diritto sindacale; - interpretare il cambiamento e l'innovazione organizzativa in contesti istituzionali molteplici: pubblici, privati, del terzo settore, ponendo particolare attenzione allo sviluppo economico, sociale e civile del territorio di riferimento.